SEZIONE BILINGUE ITALO-SLOVACCA

SK | IT

Una visita molto apprezzata

Spať

É da poco che è entrato in carica e già il nuovo Ambasciatore della Repubblica italiana in Slovacchia, Gabriele Meucci, ha onorato la nostra scuola con la sua visita. Con il nuovo anno, infatti, c’è stato l’avvicendamento di S.E. l‘Amasciatore Roberto Martini, per naturale scadenza della sua missione qui in Slovacchia e con il quale ci siamo salutati nel dicembre scorso. In realtà il primo incontro, del tutto informale, con il nuovo Ambasciatore l´abbiamo avuto poco tempo fa, in occasione dell’evento organizzato dall´Istituto Italiano di Cultura presso il cinema Lumiére il 17 febbraio avente per tema il linguaggio gestuale degli Italiani, al quale hanno partecipato anche i nostri studenti.

Siamo orgogliosi perché una delle prime visite ufficiali del nuovo Ambasciatore è stata proprio alla nostra scuola che rappresenta una piccola isola della cultura e dell´istruzione italiana in Slovacchia. Per noi questa è la conferma dell’importanza che la nostra sezione bilingue riveste fra le rappresentanze dell’Italia in Slovacchia. Il 1° marzo nello studio del preside Sadloň, tutto il corpo docenti della sezione bilingue ha accolto la visita dell’Ambasciatore, che ha confessato di non essersi aspettato un ricevimento cosí caloroso, infatti aveva piuttosto pensato ad un incontro con la dirigenza della scuola, però gli ha fatto piacere aver avuto la possibilità di incontrarci tutti. Durante i colloqui il Signor Ambasciatore si è mostrato molto interessato e curioso di sapere, ad esempio, dove abbiamo imparato l´italiano (ovviamente non riguardava i colleghi italiani J) e qual è stato il motivo della fondazione della sezione bilingue. Abbiamo parlato poi degli scambi culturali con le scuole italiane e abbiamo affrontato anche i punti dolenti del nostro lavoro, cioè la mancanza dei libri di testo nuovi per i ragazzi e la nostra preoccupazione che il Ministero italiano non sostituerà la collega Ermina Meli quando le scadrà il mandato. Questa per la scuola sarebbe una grande  perdita. L´ambasciatore si è anche interessato alle scelte universitarie che fanno i nostri diplomati, in particolare voleva sapere quanti proseguono gli studi universitari in Italia o quanti trovano  i posti di lavoro nelle aziende italiane operanti sul territorio slovacco. In conclusione era dispiaciuto per non aver potuto incontrare i ragazzi a scuola, per cui gli abbiamo promesso che questi non mancheranno alla nostra prossima riunione.

Marta Markošová e Matteo Verga