SEZIONE BILINGUE ITALO-SLOVACCA

SK | IT

Teambuilding

Spať

Il vocabolario della sezione bilingue si è arrichito di una parola nuova: „teambuilding“. Questa parola va di pari passo con il cambiamento generazionale nel ruolo di responsabile della sezione bilingue. Dopo tanti anni mi ha sostituito Ivetka Holubcová. Una delle sue idee è stata quella di organizzare per noi, insegnanti della sezione bilingue, un breve soggiorno in un ambiente accogliente, il quale ha avuto il suo lato lavorativo, informativo e anche ludico. Quindi è veramente servito a far „crescere  il gruppo“, o meglio, rafforzarlo. La scelta del posto è caduta sulla zona del sud della Moravia: la città di Valtice e il vicino castello di Lednice.

La partenza era il venerdí, 19 maggio 2017, subito dopo pranzo, e la prima fermata è stata al ristorante Rychta di Valtice dove abbiamo assaggiato le specialità morave. Abbiamo alloggiato in un accogliente pensionato dotato di un´atmosfera quasi familiare. Qui abbiamo assistito  alla parte lavorativa della nostra gita che si è svolta con un  incontro valutativo del Progetto Erasmus+ „Miglioramento delle competenze sul lavoro grazie alle tecnologie informatiche e della comunicazione, al quale hanno partecipato 13 colleghi della nostra sezione. Katka Kubinová ha preparato la presentazione con i risultati ottenuti dal progetto e nel dibattito che ne è seguito ci siamo ricordati quello che abbiamo acquisito e come si possono sfruttare le nuove conoscenze informatiche nel nostro lavoro.

La sera ci aspettava la visita al Valtické podzemí, un esempio unico di cantine vinicole  con accesso per il pubblico. La storia di questi luoghi sotterranei risale ad un’epoca precedente al 1270 ma probabilmente a Valtice ci sono altri spazi non scoperti fino ad oggi. Gli spazi sotterranei non erano sfruttati solamente con l’obiettivo di produrre il vino, ma anche di immagazzinare gli alimentari.  Una delle curiosità è anche il pozzo autonomo, profondo 16 metri, situato sotto i pavimenti di uno dei corridoi. In passato le cantine erano collegate e probabilmente usate simultaneamente. Attualmente sono restaurati più di 900 metri di cantine e di corridoi che si trovano ad una profondità che va da 6 a 12 metri. Tutto questo l´abbiamo saputo grazie alla nostra guida, un insegnante di una scuola superiore locale, il quale è l´autore della parola „zavíniť sa“. All´ingresso della cantina ha offerto a ciascun ospite un bicchiere di pinot grigio sfuso per „zavínenie“ e per farci entrare nell´atmosfera di cantina enologica. I sotterranei di Valtice avevano veramente un´atmosfera magica e noi in questi luoghi abbiamo anche cenato. Abbiamo avuto il cosiddetto „prkénko“ cioè vassoi pieni di prosciutto, salumi, salsiccie, formaggi e paté. Dopo cena abbiamo assistito ad una degustazione guidata. Ci siamo divertiti molto, la guida ci ha navigato nell´assaggio di 5 tipi di vino. Ho usato apposta la parola „navigare“, perché da lui abbiamo saputo quali sono le caratteristiche dei singoli tipi di vino, quale sapore, odore e colore bisogna trovare nei vini. Vi verrebbe in mente che nel vino si può sentire „odore di panna con gusto di fragola“? Dopo circa due ore abbiamo lasciato gli spazi gelidi delle cantine e passando per le vie notturne di Valtice siamo tornati alla nostra pensione

Sabato dopo la prima colazione abbiamo girato per il centro di Valtice, abbiamo comprato i tipici dolci moravi per i parenti a casa e abbiamo proseguito nel nostro programma. Ci siamo poi spostati al vicino castello di Lednice. Il castello di Lednice, con un enorme parco, è uno dei complessi storici più belli della Repubblica Ceca. La forma attuale è il risultato della ristrutturazione nella metà dell´800 nello stile che imita il gotico inglese stile „tudor“. Il castello offre vari percorsi, noi abbiamo scelto la visita delle sale di rappresentanza e non ce ne siamo pentiti. Abbiamo potuto ammirare una bellissima scalinata che sale per due piani, una preziosa scala a chiocciola, un bagno molto moderno per la sua epoca con il toaletta a scarico, per di più godevamo di viste panoramiche stupende sul parco in cui il castello è immerso. Solo la mancanza di tempo e il vento e il freddo sgradevoli ci hanno scoraggiato dalla passeggiata verso il minareto e il giro per il parco. Forse doveva essere così, almeno abbiamo la scusa per tornarci.

Allora abbiamo soddisfatto il significato della parola „teambuilding“? Io direi che più che sufficientemente. Abbiamo trascorso insieme momenti stupendi, ci siamo conosciuti meglio, ci siamo arricchiti di nuove esperienze ed è molto importante che non vediamo già l‘ora di organizzare un altro evento simile.

Ivet, ti ringraziamo!

Marta Markošová