SEZIONE BILINGUE ITALO-SLOVACCA

SK | IT

Lo scambio a Bologna

Spať

La nostra scuola è veramente un po‘ più particolare dalle altre scuole, diciamo „normali“. Una delle cose più interesanti è senza dubbio l‘interscambio scolastico annuale, al quale può partecipare ogni studente partendo dalla prima fino alla terza, e così acquistare nuove conoscenze, sia linguistiche che culturali.

Noi, che siamo in terza, abbiamo avuto questa opportunità per l’ultima volta dal 20 al 27 marzo 2017. In quel periodo abbiamo avuto la possibilità di andare in una città meravigliosa, nella regione Emilia Romagna, cioè Bologna.

La mattina della partenza ci siamo incontrati alle 7:00 davanti al Lidl, sotto la nostra scuola, ed eravamo più o meno preparati a quello che ci aspettava: lasciare le nostre case e i nostri parenti amati per una settimana. Tutto questo ci risuonavaa nelle nostre teste anche se questo sarebbe stato il nostro terzo e ultimo interscambio. Comunque anche con i dubbi piccoli siamo saliti e siamo partiti.

Dopo dodici ore di viaggio siamo finalmente arrivati, anche se stanchi e nervosi ma soprattutto felici. Finalmente potevamo incontrarci con i nostri nuovi corrispondenti italiani. Poco dopo essere scesi dall’autobus ci aspettavano già i nostri nuovi amici che sembravano contenti ma anche inpauriti. Dopo un incontro più personale ci hanno portati ad una festa di accoglimento, dove ci hanno offerto tanto da mangiare e bere. Noi purtroppo eravamo sempre molto timidi e così non abbiamo mangiato tanto. Subito dopo ci hanno portato nelle loro case.

Il giorno successivo, ci hanno fatto vedere la loro scuola e ci ha salutato il loro preside. La loro scuola sembrava più grande della nostra però non era così affascinante come la nostra. Dopo questa piccola visita ci siamo incontrati con la nostra guida che ci avrebbe fatto vedere la città. Per dire la verità ho visto tante città bellissime, però Bologna è una delle più belle. E‘ possibile trovare tantissima storia in una città non tanto più grande di Bratislava: veramente affascinante. Camminavamo per la città tutto il giorno e assorbivamo tutte le bellezze che c’erano, però devo dire che quando siamo ritornati a casa, era difficile alzarsi da letto.

I giorni successivi non erano molto più tranquilli. Abbiamo visitato anche altre città della regione: Ferrara, Ravena e Mantova, delle quali a me è piaciuta di più la città di Ferrara. Devo dire che per le gite così, quando volete vedere tanto, vi servono anche tante forze. Ma sopra tutte le difficoltà che avevamo, vale il fatto che avevamo l’opportunità di vedere le nuove parti della nostra amata Italia. Ci siamo salutati il 27 marzo, e vi posso dire che ci siamo trovati molto bene.